Ci sono ricette che ti porti dietro da tutta una vita e questa è una delle ricette estive preparate da mia mamma che preferisco da sempre.

Coniglio freddo condito con aceto balsamico e insaporito da aromi di ogni tipo, ideale in queste giornate calde magari per una cena con gli amici in giardino o da portarsi ad un pic nic in montagna.

Ingredienti per preparare il coniglio freddo

coniglio freddo

  • 1 coniglio intero (o già tagliato a pezzi)
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 cipolla
  • 1 gamba di sedano
  • 1 carota
  • 2 o 3 foglie di alloro
  • pepe nero in grani
  • olio evo q.b.
  • 2 manciate sale grosso
  • sale fino q.b.
  • 1 litro d’acqua
  • 1/4 di litro di aceto bianco
  • aceto balsamico q.b.
  • prezzemolo tritato q.b.
  • altri aromi a piacere (origano, menta, timo, maggiorana…)

Procedimento

  1. Mettere a bollire in una pentola l’acqua, l’aceto bianco, l’alloro, l’aglio, il sedano e il sale.
  2. Quando l’acqua inizia a bollire aggiungere il coniglio precedentemente diviso a metà o tagliato a pezzi piuttosto grossi e lasciar cuocere fino a quando, infilzando la carne con uno stecchino uscirà liquido trasparente.
  3. Quindi lasciar raffreddare il coniglio nel brodo di cottura e, una volta raffreddato spolparlo separando la carne dalle ossa.
  4. Prendere una pirofila, e mettere coprire il fondo con un filo d’olio e di aceto balsamico, qualche pezzetto di cipolla tagliata, alcuni grani di pepe il prezzemolo e altri aromi a piacere.
  5. Quindi fare uno strato con i pezzetti di carne del coniglio e condire con olio, aceto balsamico e ripetere gli ingredienti messi sotto (cipolla, pepe, prezzemolo e aromi); se necessario aggiungere un po’ di sale fino.
  6. coniglio freddo

  7. Continuare ad alternare strati di coniglio e condimento fino a che la carne non sarà terminata.
  8. Coprire la pirofila e lasciar riposare in frigorifero prima di servire accompagnando il coniglio freddo con verdure grigliate o a piacere.

Il vostro coniglio freddo è pronto e vi assicuro che farete un figurone.

Maria Grazia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *