Capita che Gigaluca sia a casa ammalato e che tu arrivi a casa dal lavoro ad un orario decente…ecco quindi che per coccolare il tuo ometto e la tua principessa ti metti a preparare dei deliziosi biscotti alle mele.
Con questa ricetta otterrete dei biscotti buonissimi, croccanti fuori e morbidi dentro, adatti a grandi e piccini.

biscotti alle mele

Ingredienti per c.ca 35 biscotti alle mele:

  • 250gr di farina 00
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 100 gr burro
  • 100 gr zucchero di canna
  • 1 uovo
  • scorza grattugiata di 1 limone
  • un pizzico sale
  • 1 mela
  • succo di metà limone

Procedimento

  1. Setacciare in una terrina la farina 00 ed il lievito;
  2. Aggiungere il burro a temperatura ambiente tagliato a pezzettini e lavorare il tutto fino ad avere un impasto sabbioso;
  3. Unire all’impasto lo zucchero di canna, l’uovo intero, la scorza di limone e un pizzico di sale, ed amalgamare il tutto;
  4. A parte, sbucciare la mela e tagliarla a piccoli cubetti quindi bagnarla con il succo di limone per non farla annerire;
  5. Aggiungere i cubetti di mela all’impasto e lavorare il tutto velocemente fino a formare una palla;
  6. Coprire l’impasto dei biscotti alle mele con la carta da forno o la pellicola trasparente e lasciarlo riposare in frigorifero per circa 30 minuti;
  7. Una volta riposato togliere l’impasto dal frigorifero e ricavarne delle piccole palline delle dimensioni di una noce;
  8. N.B. Se l’impasto dovesse essere troppo appiccicoso per la realizzazione delle palline aggiungere un po’ di farina 00;
  9. Passare le palline nello zucchero di canna e disporle sulla teglia coperta da carta forno;
  10. Mettere la teglia con i biscotti alle mele in frigorifero e, nel frattempo, accendere il forno a 180gradi;
  11. Cuocere i biscotti per circa 15/20 minuti e sfornarli quando sono ancora morbidi.

biscotti alle mele

I biscotti alle mele sono pronti, serviteli con una spolverata di zucchero a velo … vedrete che andranno letteralmente a ruba sotto i vostri occhi!!!

Buon appetito
Maria Grazia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *