Mese: novembre 2016

Fare dolci con un occhio alla sostenibilità: l’iniziativa della Di Leo

Ormai Ceciotta e GigaLuca stanno crescendo: per questo motivo la loro educazione è un tema sempre più importante! Oltre alle buone maniere, alla cultura, all’educazione civica, penso che sia molto importante insegnare loro l’importanza della salvaguardia dell’ambiente! D’altra parte il pianeta è uno solo, e in futuro loro lo dovranno abitare!

Per questo motivo approvo moltissimo le iniziative organizzate dalle aziende (per fortuna sono sempre di più) che hanno un occhio alla sostenibilità ambientale. Quando mi sono imbattuta nell’iniziativa “All’Orango io ci tengo” della Di Leo Pietro Spa (un’azienda storica di Altamura, nata addirittura nel 1860), ho deciso di diffonderla il più possibile (anche per il simpatico nome che hanno scelto).

L’operazione è partita lo scorso 1 ottobre e andrà avanti per un anno intero, durante il quale la Di Leo donerà l’1% del ricavato delle vendite dei biscotti della linea Fattincasa (fino a un massimo di 50.000 euro). Ho già avuto modo di provare questi biscotti e, oltre a essere molto buoni, sono anche salutari: senza olio di palma, fatti a mano con ingredienti sani e naturali. Direi che non è proprio un caso che un progetto di questo tipo sia accostato a questi biscotti (che Ceciotta e GigaLuca si sono letteralmente “spazzati via”).

All’Orango io ci tengo: in cosa consiste?

L’iniziativa si sviluppa su diversi obiettivi: innanzitutto, come dice il nome, con il ricavato dell’iniziativa si contribuirà alla reintroduzione di 15 orangutan nel loro ambiente naturale a Sumatra. Verranno acquistati mezzi utili con cui gli operatori potranno facilitare il loro lavoro. Ma non è tutto: gli orangutan hanno bisogno del loro habitat, ed è per questo che parte dei fondi sarà destinata anche al recupero della foresta di Sumatra, con la piantumazione di un migliaio di alberi!

Infine, visto che un progetto del genere deve avere anche un occhio al lungo termine, la Di Leo contribuirà a creare un progetto di conservazione delle foreste pluviali, per proteggere l’habitat naturale dei simpatici scimmioni!

Quindi mi raccomando: aiutate la Di Leo a raggiungere i suoi obiettivi, il pianeta ne ha bisogno (e lo stomaco vi ringrazierà!).

Buzzoole